mercoledì 13 giugno 2012

La golena del Tevere 2° parte

Eravamo rimasti al degrado e l'abbandono della golena del Tevere, nel punto
in cui si scende dal Lungotevere Pietrapapa, oltrepassando il cancello posto
a metà fra l'incrocio con Via Gherardi e Ponte Marconi.

Oggi continuiamo il viaggio risalendo sul Lungotevere, trasformato in pista
ciclabile negli anni del Giubileo, per vederne le condizioni e poi
scenderemo nuovamente sulla golena, in corrispondenza di Via Fermi.

Scritte d'amore sulla pista ciclabile: non bastavano i muri...

Erba secca fuoriesce dalle fessure del recinto.

Ombrello rotto, cartacce, fango e rifiuti sul marciapiede e sotto gli alberi.



Le panchine sul Lungotevere sono corrose, sfaldate dalla pioggia e depredate
dai vandali o dai senza tetto.


Buste dell'immondizia lasciate in strada.

Sistema rudimentale d'innaffiamento, fuori uso e abbandonato. Lì vicino,
marchingegno di oscura provenienza, incastonato nel terreno.

Le radici degli alberi, a Marconi, sono ridotte così.

Recinzione di ferro piegata (come hanno fatto?!?) e cartello della pista
ciclabile imbrattato.

Avviso di cambio di percorso sbiadito e poco leggibile.

Varco per la golena, in fondo a Via Enrico Fermi.

In questo punto inizia Lungotevere Gassman.

Palizzata e rete arancione in disuso.

Groviglio di fiori spontanei e un cactus, all'ingresso della golena.

Il sentiero battuto verso le sponde del fiume. Si avverte un odore intenso
di urina (umana od animale, non sappiamo).

L'area in cui doveva sorgere un parco giochi, realizzato dalla Cam,
concessionara del PUP Fermi. Il ritrovamento di reperti archeologici e la
sospensione dei lavori del parcheggio interrato, hanno forse bloccato in
maniera definitiva il cantiere, di cui rimangono ancora le reti arancioni e
qualche barriera crollata nella vegetazione.


E guardate che succede a lasciare uno spazio vuoto e incustodito, a Roma.
Diventa subito una discarica!

Qui siamo dietro all'Olimpic Club, l'enorme centro sportivo sulla golena del
fiume. E pensare che attorno a piscine e campi da tennis, regna il degrado
più totale!

Il terrapieno che doveva servire per il parco giochi.

Una delle classiche discese nell'erba ricoperte dai rifiuti, le cosiddette "scarpate alla romana".

Altra rete abbandonata...

E finalmente, il "biondo Tevere"!

Ci sguazzano anche le paperelle...

...ma sulle rive, manco a dirlo, cumuli di monnezza...

...e ancora monnezza tra i rovi di quest'altro esempio di "scarpata
romana".


Torniamo verso il Lungotevere.

Continua...

4 commenti:

  1. Fabrizio Vienna16 giugno 2012 13:16

    E' veramente un delitto lasciare una zona cosi' che ha le potenzialità per essere un posto magnifico e di grande fruibilità per un quartiere popoloso come Marconi. Ho scritto all'Assessore Marco Visconti, che spesso si distingue dai sui colleghi per l'efficacia degli interventi che organzza (o quanto meno per il fatto almeno di organizzarli) sul suo blog. Questo il mio intervento, spero vivamente in una risposta non standard ma nel fato che abbia in qualche modo inserito questo quadrante tra quelli urgentemente da riqualificare o quanto meno bonificare.

    Fabrizio scrive:
    16 giugno 2012 alle 12:10
    Assessore Buongiorno,
    Torno su questo blog a segnalare la situazione di abbandono totale sporcizia, pericolo, in una parola degrado, in cui versa tutta la zona lungo il tevere da Ponte Marconi fino a ponte di ferro. Questa è una delle poche zone con spazi che potrebbero essere puliti riqualificati e messi in sicurezza e consegnati ai cittadini di un quartiere molto popoloso e centrale. La zona deve essere completamente bonificata.
    Meglio di molte parole la invito fortemente a visionare questo articolo di un blog antidegrado che si occupa del quadrante Marconi. Sono immagini un po forti e deprimenti perchè testimonia semplicemente e senza troppi giri di parola l’abbandono Totale. Una riqualificazione e u controllo costante (quindi non una “una Tantum”) avrebbero secondo me qui una impatto positivo immenso sulla qualità della vita di, senza esagerare, una decina di migliaia di persone.

    Ecco il link: la prego di visionarlo e di darmi un feedback in relazione a quale priorità intende dare a questo problema (tra i tanti che affronta:

    http://degradomarconi.blogspot.it/2012/06/la-golena-del-tevere-2-parte.html

    Un saluto

    Fabrizio


    Un saluto e grazie 1000 per questi articoli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per aver riportato l'articolo a Visconti, spero che la provenienza di Marconi del presidente AMA Benvenuti giochi a favore di un intervento di bonifica del tratto di golena che precede l'Olimpic Club, quanto meno che si rimuovano i rifiuti pesanti.

      Per la riqualificazione generale, avremmo bisogno di un piano di ampio respiro da parte della Regione, concordato - penso io - con le istituzioni del XV e XI municipio (quest'ultimo responsabile della riva Ostiense).

      Ma temo che all'orizzonte non sia nulla di simile.

      Elimina
  2. Non ho ancora ricevuto alcuna risposta a distanza di un mese da Marco Visconti. Anzi una mia richiesta di aggiornamento scritta sul blog dell'assessore è stata cancellata.

    Fabrizio V

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina